Anche se conosci poco di trading avrai sicuramente sentito parlare delle candele giapponesi. Sebbene il web sia pieno di articoli su questo argomento non ti senti ancora pronto per usarle correttamente, cioè di interpretarle e leggerle a tuo vantaggio per prendere decisioni. Non si tratta di un metodo infallibile ma come spesso accade, sia nel mondo del trading che in altri settori, maggiore è la conoscenza degli strumenti a portata di mano più ci sono vantaggi. Per questo motivo, ti presentiamo questa guida per utilizzare al meglio le candele giapponesi nel trading.

I pattern delle candele giapponesi sono particolarmente utilizzati nell’analisi tecnica, poiché mostrano l’evoluzione del prezzo di un asset durante un certo periodo di tempo. Nel momento in cui sarai in grado di decifrare una candela giapponese con un semplice sguardo (speriamo che ciò accada quando avrai finito di leggere questa pagina), avrai informazioni preziose, perché le candele giapponesi ci danno quattro prezzi in una sola cifra: il prezzo di apertura. , la chiusura, il massimo e il minimo.

Broker
Valutazione
Spread EUR/USD
Deposito min
  1. XTB

    ★★★★★
    EUR/USD
    0.8 pips
    Deposito minimo
    100 $/€
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  2. eToro

    ★★★★
    EUR/USD
    3 pips
    Deposito minimo
    200 $
    *Servizio CFD. Il 75% dei trader perde denaro.
  3. Avatrade

    ★★★★★
    EUR/USD
    1.9 pips
    Deposito minimo
    100 $
    Il 79% dei clienti perde soldi. Assicuratevi di poter sopportare le possibili perdite.

Parti di una candela giapponese

I modelli di candele giapponesi sono composti da 2 elementi principali:

  • Corpo: è la parte larga e in essa sono indicati i prezzi di apertura e chiusura.
  • Ombra o stoppino: queste sono le due linee sottili sia sulla parte superiore che su quella inferiore del corpo. In questo caso, forniscono informazioni sul prezzo massimo e sul prezzo minimo.

La terza chiave per comprendere un pattern di candele giapponesi è il colore.

  • Candela giapponese rialzista: il prezzo di chiusura è superiore al prezzo di apertura. In questo caso, la candela è verde o bianca.
  • Candela giapponese ribassista: contrariamente alla precedente. Il prezzo di apertura è superiore al prezzo di chiusura. Quindi viene utilizzato il colore rosso o nero.

Come leggere una candela giapponese?

Con le indicazioni sopra riportate, abbiamo già le conoscenze per leggere una candela giapponese. Se è verde (o bianca) significa che è una candela giapponese rialzista, quindi il prezzo di apertura sarà nella parte inferiore del corpo e il prezzo di chiusura nella parte superiore. Sopra e sotto (sullo stoppino) ci sarà sempre il prezzo massimo e minimo (questo non cambierà).

Candele- Giapponesi-Max-Min
Come leggere una candela giapponese

Immaginiamo che la candela rialzista nell’immagine precedente sia l’analisi del prezzo di un asset tra le 12:00 e le 13:00. La lettura corretta sarebbe:

Alle ore 12:00, il suo prezzo era di 60.

Alle 13:00 il prezzo era di 65.

Il suo prezzo massimo (tra le 12:00 e le 13:00) era di 70.

Il suo prezzo minimo (in quella stessa fascia oraria) era di 56.

Tipi di candele giapponesi

A seconda, ovviamente, del suo colore, ma anche delle dimensioni del corpo e dello stoppino, si può fare una classificazione delle diverse varietà di candele giapponesi. Successivamente, quando vengono messe insieme più candele di diversi spazi temporali, si formano modelli di candele giapponesi, che consentono un’analisi più approfondita del movimento dei prezzi. Ma prima, discutiamo quali sono questi tipi di candele giapponesi:

  • Corpo grande e stoppino molto corto (o inesistente): indica che i dubbi sull’acquisto o la vendita erano nulli e che il movimento è stato per lo più a senso unico. Cioè, gli acquirenti oi venditori hanno mantenuto il controllo sul prezzo.
  • Corpo piccolo e stoppino molto corto (o trascurabile): ovviamente significa che non c’è stato praticamente alcun movimento durante il lasso di tempo analizzato.
  • Piccolo corpo verde e lungo stoppino inferiore: è identificata come candela a martello. Le informazioni che fornisce sono che, dopo aver impostato un prezzo di apertura elevato, i venditori hanno preso il controllo, portando il prezzo a un prezzo abbastanza basso. Ma, prima della fine della sessione, i compratori hanno invertito la tendenza e raggiunto una chiusura più alta (che coincide con il prezzo massimo).
  • Piccolo corpo rosso e stoppino superiore lungo: è lo schema opposto al precedente. Nei primi momenti gli acquirenti sono riusciti a far salire il prezzo del bene, ma, alla fine, i venditori hanno saputo gestire la situazione e il valore finale è inferiore al valore di apertura. Inoltre, corrisponde al minimo.
  • Doji: i prezzi di apertura e chiusura sono praticamente identici. L’interpretazione da fare è che c’è molta vaghezza e indecisione nel mercato.
come leggere le candele giapponesi

Come si è visto, la dimensione della candela giapponese è estremamente importante. Se è grande, indica che l’attività è stata elevata e che la tendenza (rialzista o ribassista) è molto forte. Ma attenzione, se è molto grande, bisogna valutare anche la possibilità che dia sintomi di debolezza. Una candela giapponese dal corpo molto piccolo, invece, ci dice che l’attività è minima, che sia gli acquirenti che i venditori non sono interessati a fare trading a quei prezzi.

Logicamente, ci sono molti più tipi di candele giapponesi, quasi tutto quello che puoi immaginare. Abbiamo voluto evidenziare questi quattro come i più comuni e come una sorta di esempio generalizzato di un comportamento abituale nel prezzo dei beni.

Modelli di candele giapponesi

Come per i singoli tipi di candele, ci sono infinite opzioni e combinazioni anche nei modelli. I trader più esperti analizzeranno tutte le possibilità ottenendo preziose informazioni su come si sta comportando il mercato e, quindi, su quali potranno essere i prossimi movimenti. Ma per arrivare a quel punto di professionalità bisogna studiare e provare molte ore. Per ora, evidenzieremo i modelli di candele giapponesi più tipici in modo di capire di cosa stiamo parlando.

Engulfing rialzista

È molto utile utilizzare modelli di candele giapponesi nel trading. In questo caso si parla di busta, che è formata da due candele e suggerisce un cambio di tendenza. Nel caso di una busta rialzista, ci sarà una candela ribassista con un corpo piccolo e, accanto, un’altra rialzista con un corpo grande. Di solito compaiono dopo una tendenza al ribasso.

Engulfing ribassista

È antagonista alla precedente: una candela giapponese rialzista con un corpo piccolo, seguita da una candela ribassista con un corpo molto più grande. È un cambio di trend, che parte da uno ribassista.

tipi di engulfing
Modelli di candele Giapponesi

Tripla formazione rialzista

Si forma quando ci sono due candele rialziste large body e, al centro di esse, tre candele ribassiste più piccole (a volte possono essere due). La seconda candela rialzista dovrebbe essere alla stessa altezza (o superiore) della prima. Ciò che implica è che si tratta di una tendenza al rialzo in cui i prezzi hanno preso una breve pausa, per poi continuare al rialzo.

Tripla-Rialzista

Formazione tripla ribassista

È la formazione opposta alla precedente. Due candele ribassiste a corpo grande hanno diverse candele rialziste (più piccole) in mezzo. L’interpretazione deve essere che, dopo la rottura, la tendenza al ribasso continuerà.

Tripla-Ribassista

Vantaggi e svantaggi delle candele giapponesi nel trading

I pattern delle candele giapponesi sono un’arma molto interessante per conoscere il mercato e cercare di anticiparne i movimenti. Ma non sono una panacea, quindi sebbene il loro uso abbia molti vantaggi, ci sono anche punti contro.

Vantaggi delle candele giapponesi

  • Danno segnali sui prossimi cambiamenti di tendenza.
  • Sono perfettamente compatibili con l’analisi tecnica e fondamentale.
  • Non appena sarai un po’ informato, una rapida occhiata ti aiuterà a sapere se il movimento dei prezzi nella sessione è stato rialzista o ribassista.

Svantaggi delle candele giapponesi

  • Con le candele giapponesi non puoi calcolare obiettivi di prezzo.
  • In mercati volatili, possono mandare false piste.
  • Sono davvero utili per analizzare il comportamento di un bene in un breve lasso di tempo, ma non danno una radiografia generale della situazione.

La  nostra guida su come utilizzare le candele giapponesi nel trading si conclude qui. Non dimenticare di lasciare il tuo commento qui sotto e consultare le nostre liste di migliori broker online.