Anche se tutto è soggetto a cambiamenti e non esiste una regola fissa e inamovibile, gli esperti concordano sul fatto che l’età dell’investitore deve influenzare l’investimento. O, in altre parole, che l’investimento deve essere adattato all’età. La regola generale è che i giovani possono (e dovrebbero) correre più rischi perché il loro scopo dovrebbe essere quello di aumentare il capitale. Con il passare degli anni, la situazione di vita e le priorità cambiano, per cui a partire dai 55 o 60 anni è consigliabile preservare il capitale raggiunto e rifiutare il rischio. Ma andiamo più a fondo e specifichiamo in cosa dovreste investire in base alla vostra età.

Prima di offrirvi una tabella con le fasce d’età, occorre chiarire che non si tratta di un sistema infallibile e che, ovviamente, dovrà essere adattato alle circostanze personali di ogni persona: obiettivi d’investimento, necessità di liquidità… e il vostro profilo d’investimento: chi ama correre rischi avrà difficoltà a convincere chi ama correre rischi ad essere conservatore (e viceversa).

Broker
Valutazione
Spread EUR/USD
Deposito min
  1. XTB

    ★★★★★
    EUR/USD
    0.8 pips
    Deposito minimo
    100 $/€
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  2. eToro

    ★★★★
    EUR/USD
    3 pips
    Deposito minimo
    200 $
    *Servizio CFD. Il 75% dei trader perde denaro.
  3. Avatrade

    ★★★★★
    EUR/USD
    1.9 pips
    Deposito minimo
    100 $
    Il 79% dei clienti perde soldi. Assicuratevi di poter sopportare le possibili perdite.

Una cosa che molti esperti raccomandano è di prendere tutto ciò che è stato discusso: età, circostanze personali, profilo d’investimento… metterlo in uno shaker, analizzarlo ed elaborare un piano d’investimento che, sebbene possa essere riadattato in futuro con il passare del tempo, sarà un copione che dovrà essere seguito nella scelta dei beni su cui investire.

Con tutte le riserve del mondo, e ripetendo che questo grafico che vi mostreremo deve essere interpretato e, se necessario, adattato da ciascuno di essi, vedremo, in generale, ciò in cui dovrete investire in base alla vostra età.

Investitori dai 25 ai 35 anni

C’è ancora molta strada da fare per compensare le possibili perdite che si spera non si verifichino, ma che sono sempre una minaccia. Si raccomanda pertanto di assumersi dei rischi, ad esempio, investendo l’80% in azioni e il 20% in obbligazioni. Per quanto riguarda le attività più interessanti, investire in azioni è di solito l’opzione più appropriata per gli obiettivi di investimento in questi anni.

Investire da 35 a 45 anni

La cosa abituale è che in questa fascia d’età, spese come mutui, auto, bambini… Si consiglia di ridurre un po’ l’investimento nella variabile, ma di continuare a rischiare: 70% di reddito variabile e 30% di reddito fisso. I piani pensionistici o i fondi d’investimento sono di solito i prodotti più adatti in questo caso.

Investimenti per persone dai 45 ai 55 anni

Stiamo crescendo, ci avviciniamo al pensionamento, e se le cose vanno bene, il tuo stipendio probabilmente inizierà a salire. Obbligazioni e azioni sono attività interessanti in questo momento in cui si deve investire il 55% in azioni e il 45% in obbligazioni.

Come investire se hai 55-65 anni

Teoricamente, le spese dovrebbero già essere ridotte quasi proporzionalmente all’aumento dell’avversione al rischio. Il 35% in azioni e il 65% in obbligazioni sono percentuali abbastanza consistenti per la gestione di attività come le obbligazioni o le azioni, che sono le più adatte a questa gamma e alle sue caratteristiche.

Investire a 65 anni e oltre

È giunto il momento di disinvestire, di salvare magari quei piani pensionistici, in modo da poter arrivare dove la pensione non c’è. Se vogliamo continuare a investire, naturalmente aumenteremo il reddito fisso all’80% e lasceremo il reddito variabile al 20%. La cosa migliore è optare per prodotti a breve termine e depositi bancari.

La regola del 120 quando si investe

Per finire questo articolo su ciò in cui dovreste investire in base alla vostra età, vi spieghiamo la regola del 120, che molti esperti considerano un piano di investimento vitale. L’obiettivo finale è quello di ridurre, ogni anno, l’1% di quanto è dedicato al reddito variabile. E il punto di partenza è investire nel reddito variabile, sottraendo l’età a 120 anni.

Ci dica nei suoi commenti se segue questo o qualsiasi altro sistema di investimento.