In OkBrokers sottolineiamo sempre l’importanza di sviluppare e implementare la giusta strategia di trading. Una delle parti fondamentali di ogni strategia è la gestione del denaro o del capitale nel nostro conto di bilancio, noto anche come Money Management.

Per quanto possa sembrare ovvio, non è mai troppo spiegare l’importanza della gestione del denaro con un esempio.

Se riusciamo a sviluppare una strategia di investimento con un numero medio di transazioni soddisfacenti del 70% (che è, a priori, un buon risultato), una cattiva gestione del denaro sul nostro conto potrebbe comunque portarci a perdere il nostro capitale. Immaginate ora che in ciascuna delle nostre operazioni abbiamo deciso di investire il 20% del nostro bilancio totale. Solo 4 o 5 operazioni fallite potrebbero causare la perdita totale del nostro capitale e, per quanto difficile da riconoscere, è molto probabile che prima o poi si verifichi una simile striscia se operiamo in mercati come il Forex.

Pertanto, è importante non lasciarsi trascinare da impulsi e stare sempre calmi nel valutare i possibili rischi di ciascuna delle operazioni che vogliamo effettuare. Ricordate che lo scopo del trading deve essere quello di generare profitti a lungo termine.

Dopo questa spiegazione elencheremo ora una serie di linee guida da seguire per migliorare la nostra gestione del denaro. L’obiettivo finale sarà quello di massimizzare le possibilità di ottenere risultati soddisfacenti a lungo termine con la nostra attività di trading.

Suggerimenti per la gestione dei vostri soldi nel trading

Quelli che ci sembrano più utili e rilevanti sono i seguenti:

1. Mai operare con più soldi di quanti se ne possano permettersi di perdere.

Non importa quanto siamo esperti e non importa quante conoscenze abbiamo acquisito nel corso degli anni, non dobbiamo mai ignorare il fatto che il trading online comporta rischi di perdita di capitale. Più ne siamo consapevoli, meglio sarà.

Ecco perché è ragionevole dire che investire entro margini ragionevoli sul nostro potere d’acquisto aiuterà a ridurre lo stress e la tensione insita nell’attività finanziaria speculativa. Se ci pensate, questo consiglio riguarda semplicemente l’applicazione del buon senso.

Mai, in nessuna circostanza, fare trading online con il denaro di cui potresti aver bisogno per coprire grandi esigenze. Fatelo per evitare che un’attività come il trading diventi un problema.

2. Ridurre il volume di ogni scambio

In altre parole, i rischi sono minori. Come regola generale, non si dovrebbe investire più del 2% del capitale totale in ogni operazione. Grazie a questo si ridurrà l’impatto che un’operazione negativa avrebbe sul vostro conto del saldo totale. Molti piccoli commerci valgono più di pochi, ma con grandi quantità e, a lungo termine, questo ci permetterà di mantenere più a lungo termine il nostro equilibrio.

Facciamo dei calcoli. Mantenendo il volume di capitale di ogni operazione al 2% del nostro totale, avremmo molto margine di manovra anche se fino a 15 operazioni non fossero completate entro le nostre previsioni. La matematica non inganna.

Ci sono molti trader che usano gli strumenti per sapere in che misura devono rischiare in determinate operazioni. Uno di questi strumenti è il calcolatore delle dimensioni della posizione. Trova uno dei tanti disponibili online e usufruirne.

3. Negoziazione con i broker regolamentati

Se date un’occhiata al nostro sito web vedrete che questo è qualcosa che non ci stanchiamo mai di ripetere. Scegliete solo broker regolamentati da prestigiose organizzazioni internazionali. Rischiare il capitale operando su piattaforme inaffidabili è una decisione che porterà problemi nel lungo periodo.

Broker
Valutazione
Spread EUR/USD
Deposito min
  1. XTB

    ★★★★★
    EUR/USD
    0.8 pips
    Deposito minimo
    100 $/€
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  2. eToro

    ★★★★
    EUR/USD
    3 pips
    Deposito minimo
    200 $
    *Servizio CFD. Il 75% dei trader perde denaro.
  3. Avatrade

    ★★★★★
    EUR/USD
    1.9 pips
    Deposito minimo
    100 $
    Il 79% dei clienti perde soldi. Assicuratevi di poter sopportare le possibili perdite.

Tutti i broker che pubblicizziamo sul nostro sito web hanno superato i più rigorosi test di qualità e sicurezza. Se venite a trovarci dalla Spagna, ad esempio, vi consigliamo di dare un’occhiata all’elenco dei broker registrati presso la CNMV.

4. Calcolare il rapporto rischio/rendimento

Si tratta di calcolare sia i possibili guadagni e perdite di ogni trade prima di aprire la nostra posizione. Idealmente, se il tuo trade va bene, guadagnerai il doppio di quanto avresti altrimenti perso. Questo è il cosiddetto rapporto 1:2 tra rischio e profitto.

Grazie a questo rapporto, con una strategia moderatamente soddisfacente, raggiungeremo risultati positivi nel medio e lungo termine. Se facciamo i calcoli, con questo rapporto potremmo ottenere profitti anche se il nostro livello di successo era solo il 50% o il 60% del totale delle operazioni.

5. Guarda il tuo livello di leva

La leva finanziaria ci permette di negoziare per un volume molto più grande del nostro capitale. Anche se può sembrare allettante a causa dei possibili guadagni, la verità è che il suo utilizzo comporta grandi rischi. Proprio come i profitti saranno più elevati se l’operazione va bene, così le perdite se la vostra previsione non è corretta.

Tanto che i trader professionisti limitano molto l’uso della leva finanziaria. Anche in alcuni paesi è stato limitato per legge a valori massimi che di solito si aggirano intorno all’1:30. Ben pensato, una leva più alta è irragionevole, quindi non fatevi tentare e tenete la testa sempre fresca.

Se la tendenza generale che l’industria ha recentemente mostrato continua, presto smetteremo di vedere annunci che offrono livelli di leverage di 1:500 o addirittura 1:1000. Noi di OkBrokers ne siamo felici.

6. Utilizzare SEMPRE Stop-Loss

Anche se avete seguito scrupolosamente i consigli di cui sopra, non sarete comunque “sicuri” (se è possibile essere sicuri al 100%). Imparare ad usare lo Stop Loss è uno dei primi passi che dobbiamo compiere prima ancora di decidere di aprire un conto con soldi veri.

Il modo per impostare correttamente lo Stop Loss è quello di guardare le aree di supporto e resistenza dei grafici. Dovremmo sempre impostare il nostro Stop Loss in un luogo che rientra nella zona di supporto o, al massimo, un po’ al di sotto di essa.

Questi sono solo alcuni esempi di linee guida che possiamo seguire per una corretta gestione del denaro nel trading. Ne segui ancora?