Cosa sono le analisi tecniche e fondamentali?

Daniel P | 2018-08-26 | 6min di lettura

A questo punto, potreste aver visto innumerevoli riferimenti ad analisi tecniche e di altro tipo su siti di trading online, ma sapete davvero cosa sono? In questa guida vi sveleremo tutti i segreti di queste tecniche che sono indispensabili per qualsiasi trader.

Cos’è l’analisi tecnica?

L’analisi tecnica è uno degli strumenti più utilizzati dagli investitori/spettatori per decidere cosa acquistare e quando acquistarlo.

È una tecnica utilizzata per prevedere, con un tasso di successo piuttosto elevato, quale sarà il prossimo movimento del prezzo. Questo si ottiene dopo aver studiato la sua evoluzione nel passato. In questo aspetto, si potrebbe paragonare alla meteorologia, che dopo aver studiato i modelli nel comportamento del tempo, arriva a prevedere con un alto livello di successo il tempo che farà i prossimi giorni, senza che ciò significhi avere il 100% di certezza di ciò che accadrà, poiché prevedere il futuro è impossibile. L’analista tecnico, come il meteorologo, lavora con le probabilità.

L’analisi tecnica si divide in due diverse discipline: l’analisi cartistica, che è lo studio della formazione dei prezzi, e l’analisi quantitativa o lo studio degli indicatori matematici che possono essere derivati dal prezzo.

Al contrario, l’analisi fondamentale (un altro strumento utilizzato dagli investitori/spettatori) afferma che il prezzo è una cosa e ne valorizza un’altra. 6, un analista fondamentale potrebbe dire che il mercato non sta realizzando il suo vero potenziale e che il titolo è sottovalutato o sopravvalutato. Inoltre, potrebbe anche dire che il suo prezzo “soggettivo” sarebbe di 4 euro o 8 euro, per esempio.

Il vantaggio dell’analisi tecnica è che è più oggettiva, poiché il prezzo, che è ciò che viene analizzato, è un dato reale, a cui si può accedere in qualsiasi momento ovunque ci si trovi. D’altra parte, l’analisi fondamentale è lo studio dell’azienda per sapere se è sottovalutata o sopravvalutata e ogni analista fondamentale darebbe un valore diverso a ciascuna azienda. È chiaro che si tratta di un’analisi soggettiva.

Un altro grande vantaggio dell’analisi tecnica, e forse il più importante, è che fornisce informazioni sui prezzi in tempo reale. Di fronte a ciò, le informazioni sulla situazione dell’azienda ci arrivano in ritardo, con i fatti rilevanti o quando presentano i risultati. Inoltre, l’analisi tecnica ci permette di realizzare un piano di trading con criteri oggettivi, punti in cui vengono attivati obiettivi concreti e altre questioni importanti.

I migliori broker dispongono di reparti di analisi tecnica che si dedicano allo studio dei grafici di tutti gli asset borsistici. Sono diventati popolari anche i sistemi di trading automatico, che non sono altro che robot che, sulla base di analisi tecniche, decidono quando comprare o vendere. Per farlo, seguono i criteri introdotti dall’investitore, ma li eseguono essi stessi sul mercato reale, senza che lo speculatore prema il pulsante “compra o vendi”.

I più importanti strumenti di analisi tecnica sono lo studio delle candele giapponesi, le formazioni cartistesche di cambiamento o di continuità del trend, lo studio degli indicatori e degli oscillatori, delle onde di Elliot o lo studio degli impulsi di Fibonacci. Sebbene l’analisi tecnica sia stata utilizzata per diversi secoli, il suo utilizzo è in pieno boom grazie ai progressi tecnologici che consentono di investire da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. In Italia, negli ultimi anni ha guadagnato seguaci in modo esponenziale.

Candele giapponesi

Le candele giapponesi sono tra gli strumenti grafici più utilizzati per l’analisi tecnica nel trading sul Forex, a causa della grande quantità di informazioni che forniscono. Ogni candela ha un corpo (che indica come il prezzo è cambiato dall’apertura alla chiusura), uno stoppino e una coda (che segna il percorso del prezzo in un arco di tempo). Anche il colore conta, di solito le candele che indicano il rialzo sono verdi o bianche e le candele che indicano ribasso sono rosse o nere.

Candele giapponesi

Nelle candele rialziste, il prezzo di chiusura è superiore al prezzo di apertura e quindi il prezzo di apertura sarà indicato in alto e il prezzo di apertura in basso. Sul lato negativo sarà mostrato al contrario. In altre parole, ogni candela ci dice: il prezzo iniziale, il prezzo massimo, il prezzo minimo e il prezzo finale. Un sacco di informazioni in un grafico molto semplice.

Gruppi di cartisti

Si basano sulla teoria che la storia si ripete, cioè, analizzando il comportamento precedente del mercato, è possibile prevedere quale sarà la sua futura oscillazione.
Formazione spalla-testa-spalla
Ce ne sono diversi tipi, che dipendono dalla forma che assumono queste formazioni: Spalla-testa-spalla, doppio tetto, doppio pavimento, triplo tetto, triplo pavimento, isola di ritorno, diamante.

Fibonacci Retracciamenti

Uno degli strumenti più efficienti per l’analisi tecnica e le informazioni sugli asset. Per spiegarli bisogna fare un viaggio secolare nel passato: in particolare al momento in cui il matematico italiano Leonardo Pisano (detto Fibonacci, nato nel 1970) ha creato la successione di Fibonacci: 0 – 1 – 1 – 1 – 2 – 2 – 3 – 3 – 5 – 8 – 13 – 21 – 34 – 55 – 89 – 144 – 233 – 377 – 610… Ogni numero è il risultato dell’aggiunta dei due precedenti.

Fibonacci ritracciamenti

Un numero diviso per il numero successivo è vicino a 0,618, quindi il 61,8% è il rapporto proporzionale aureo. Se un numero viene diviso per le due posizioni più avanti si avvicina a 0,382 (38,2%) e se viene diviso per le tre posizioni più avanti si avvicina a 0,236 (23,6%).
Queste tre percentuali, più il 50% e il 100%, sono i livelli di Fibonacci utilizzati per l’analisi tecnica.

Indicatore di forza relativa (RSI)

Il Relative Strength Index (RSI) è un indicatore tecnico altamente affidabile. Consiste nel misurare – durante un periodo abituale di 14 sessioni – come i prezzi aumentano o diminuiscono tra 0 e 100.

Indice di forza relativa

70 a 100 è l’area di ipercomprato, 30 a 70 è l’area neutra e 0 a 30 è considerato il livello di ipervenduto.

Ichimoku

Lo scopo di questo sistema è quello di ricevere molte informazioni a colpo d’occhio. I concetti chiave sono:

  • Tenkan-Sen: il calcolo viene effettuato negli ultimi nove periodi: massimo più alto + minimo più basso/2
  • Kijun-Sen: ultimi 26 periodi. La stessa formula di cui sopra.
  • Senkou Span A: Tenkan-Sen + Kijun-Sen/2.
  • Senkou Span B: ultimi 52 periodi. Stessa formula delle prime due.

La zona tra la campata A e la campata B è il Kumo (nuvola). In linea di massima, la tendenza sarà al rialzo se il prezzo è superiore a Kumo e al ribasso se è inferiore.

Bande di Bollinger

Le Bande di Bollinger, create da John Bollinger, forniscono informazioni molto utili sulla volatilità del mercato. Si basa su una media mobile calcolata con 20 periodi, questa sarà la linea media. La linea superiore è derivata aggiungendo alla media mobile il doppio della deviazione standard della media mobile a 20 periodi. Per calcolare la banda inferiore, la deviazione standard viene sottratta due volte. In generale, quando la volatilità è bassa, le bande si uniscono. Se è alto, sono separati.

Oscillatore stocastico

L’indicatore di tipo oscillatore, che, a differenza dei precedenti che abbiamo citato, per la sua semplicità di interpretazione, a differenza dei precedenti, il cui utilizzo comporta una difficoltà che li rende utili a chi conosce la materia, è perfetto per i principianti. Ciò non impedisce di fornire informazioni rilevanti anche ai più esperti. Confronta il prezzo di chiusura in tempo reale con i prezzi di chiusura precedenti entro un determinato periodo di tempo.
Di solito utilizzato nel Forex, nella Borsa e negli Indici, il suo valore principale è che mostra forti segnali prima che si verifichi una variazione improvvisa del prezzo di un bene.

Medie mobili di Convergenza/Divergenza

Due medie esponenziali, MACD (Moving Average Converge Divergence) e Signal, che oscillano su una linea zero. Il MACD è stabilito dalla differenza tra una media mobile esponenziale breve e una lunga. Il segnale è la media mobile esponenziale del primo. Con MACD abbiamo informazioni a medio e breve termine. Con Signal abbiamo informazioni a brevissimo termine.

Se il Segnale incrocia verso l’alto MACD è il segnale di acquisto, se è verso il basso, sarà il momento della vendita.
Ovviamente, come nei casi precedenti, queste conclusioni sono molto superficiali. Chiunque voglia utilizzare questo sistema (o qualsiasi altro) dovrà effettuare un’analisi e uno studio molto più completo di quello effettuato in questo articolo, il cui obiettivo è quello di farne conoscere le caratteristiche principali. E non dimenticate mai che la cosa migliore è essere consigliati dai migliori broker online.

Cos’è l’analisi fondamentale?

L’analisi fondamentale studia il valore di una società per stabilire se il prezzo riflette il valore della società o è sottovalutato o sopravvalutato sul mercato. Se concludiamo che il prezzo non riflette il “valore reale” dell’azienda ed è sottovalutato, quello che dovremmo fare è acquistare. Al contrario, se riteniamo che sia sopravvalutato, dovremmo vendere e aspettarci che il prezzo raggiunga il valore che abbiamo attribuito all’azienda.

L’analisi fondamentale afferma che il prezzo è una cosa e il valore fisso è un’altra. Si basa sul fatto che il mercato non è efficiente e che questo fa sì che il valore reale di un’azienda sia lontano da quello che segna.

Il problema più importante in questo sistema sarà quello di calcolare il valore da dare all’azienda e di sapere quanto tempo ci metterà il mercato a mettere l’azienda nel prezzo che consideriamo “corretto”. Molti broker fissano prezzi “oggettivi” sui titoli quotati, anche se in realtà non c’è nulla di oggettivo, in quanto tale valore varia a seconda di chi effettua l’analisi.

Uno dei padri dell’analisi fondamentale è stato Benjamin Graham. I suoi principali strumenti si concentrano sui fondamentali economici come il calcolo dei rapporti: PER, GAP, Ebitda, tecniche di valutazione aziendale, strategia aziendale, contabilità, concorrenza, movimenti aziendali, nuovi prodotti, previsioni macroeconomiche, informazioni economiche generali e tutto ciò che può influenzare il valore di un titolo.

Questo strumento ha delle lacune importanti perché il mercato può muoversi contro le nostre previsioni e, se non riusciamo a vederlo in tempo, potremmo essere rovinati o rimanere in attesa per anni che il prezzo vada dove stimiamo.

Si tratta di un’analisi che non tiene conto dei tempi, non stabilisce quale sarebbe il miglior punto di ingresso ed è più laboriosa perché una buona analisi fondamentale può richiedere molti giorni per essere eseguita correttamente. Tuttavia, il problema più grave dell’analisi fondamentale è che funziona sui dati del passato. Le società quotate presentano i risultati su base trimestrale e questi sono i dati che arrivano al pubblico.

Non abbiamo la situazione reale del momento dell’azienda, mentre abbiamo il tempo reale delle variazioni di prezzo, il che lo rende uno strumento meno “democratico” dell’analisi tecnica. Dobbiamo anche tener conto del fatto che il mercato azionario è circa sei mesi avanti rispetto all’economia reale e che non sconta la situazione di un’azienda, ma ci dice solo se migliorerà o peggiorerà.

Un chiaro esempio di tutto ciò che stiamo vedendo è la valutazione dell’acquisto di un’azione per la redditività per dividendo, senza tener conto che il dividendo è scontato dal prezzo, dato che l’azienda vale meno quando distribuisce denaro tra i suoi azionisti e che il denaro esce dalla cassa. Così, se una società quoterà 10 euro e distribuirà un dividendo di 1 euro, aprirà il giorno dopo a 9 euro. Inoltre, molti investitori investono in un titolo pensando che solo ricevendo un dividendo “x” recupererebbero l’investimento in “y” anni e non tengono conto che le aziende possono annullare il dividendo o ridurlo.

La maggior parte degli investitori che utilizzano l’analisi fondamentale la integrano con l’analisi tecnica. Così, decidono quale azienda acquistare sulla base di un’analisi fondamentale, ma hanno bisogno che sia il tecnico a decidere quando acquistarla e a limitare le perdite, utilizzando uno stop.

Scegliere un broker online

Top 3 Brokers Online

markets logo
Markets.com

I CFD comportano un rischio. Il 73% dei trader perde denaro.

avatrade logo
Avatrade

Il 79% dei clienti perde soldi. Assicuratevi di poter sopportare le possibili perdite.

xm-logo-tl
XM

*Servizio CFD. Fino all'80,6% dei trader perde denaro

Su cosa vuoi operare?

CONFRONTO BROKER

Scegli 3 Broker per fare confronto
Per favore, seleziona tre broker Compara

Leave a Reply

Your email address will not be published.