Guida al trading dei Futures

Imparate a investire in futures con la nostra guida al trading dei contratti di future. Troverete anche un elenco aggiornato dei broker regolamentati per il trading di Futures creato dal nostro team di esperti.

I Migliori Broker di Futures

Broker
Valutazione
Spread EUR/USD
Deposito min
Conto Demo
  1. Avatrade

    ★★★★★
    EUR/USD
    1.9 pips
    Deposito minimo
    100 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2006
    Regolata da
    CBI, BVI FSC, FSP, FSA, FFAJ
    Leva
    fino a 1:30
    Il 79% dei clienti perde soldi. Assicuratevi di poter sopportare le possibili perdite.
  2. XTB

    ★★★★★
    EUR/USD
    0.8 pips
    Deposito minimo
    100 $/€
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2002
    Regolata da
    CNMV, FCA
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  3. Plus500

    ★★★★★
    EUR/USD
    Variabile
    Deposito minimo
    100 €
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2008
    Regolata da
    CySEC (#250/14)
    Leva
    fino a 1:30
    Il 72% dei conti CFD al dettaglio perde denaro.
  4. eToro

    ★★★★
    EUR/USD
    3 pips
    Deposito minimo
    200 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2007
    Regolata da
    CySEC, FCA, ASIC
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Il 75% dei trader perde denaro.
  5. BDSwiss

    ★★★★
    EUR/USD
    1 pips
    Deposito minimo
    200 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2013
    Regolata da
    CySEC, CNMV
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  6. Pepperstone

    ★★★★★
    EUR/USD
    1.13 pips
    Deposito minimo
    200 $/€
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2010
    Regolata da
    CySEC, BaFIN, FCA, ASIC
    Leva
    Variabile
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  7. XM

    ★★★★★
    EUR/USD
    Variable
    Deposito minimo
    5 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2009
    Regolata da
    CySEC, IFSC, ASIC, MiFID
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  8. Admiral Markets

    ★★★★★
    EUR/USD
    0.6 pips
    Deposito minimo
    200 €/$
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2001
    Regolata da
    CNMV, FCA, CySEC, ASIC
    Leva
    fino 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  9. FiboGroup

    ★★★★
    EUR/USD
    1 pip
    Deposito minimo
    50 $/£/€
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    1998
    Regolata da
    FCA, CySEC
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  10. IQ Option

    ★★★
    EUR/USD
    5.6 pips
    Deposito minimo
    10 $/£/€
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2013
    Regolata da
    CySEC
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  11. IC Markets

    ★★★★
    EUR/USD
    1.1 pips
    Deposito minimo
    200 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2007
    Regolata da
    ASIC
    Leva
    fino 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro
  12. Libertex

    ★★★★★
    EUR/USD
    Variabile
    Deposito minimo
    100 €
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    1997
    Regolata da
    CySEC
    Leva
    fino 1:30
    L’83% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading di CFD presso questo fornitore.
  13. Xtrade

    ★★★
    EUR/USD
    2.5 pips
    Deposito minimo
    200 $
    Cuenta Demo
    Si
    Fondata a
    2010
    Regolata da
    CySEC
    Leva
    fino a 1:30
    *Servizio CFD. Fino all’80,6% dei trader perde denaro

Cosa sono i Contratti di Futures?

Per poter investire in Futures nella maniera intelligente bisogna prima capire bene cosa sono i Contratti di Futures. Definiamo un contratto Futures come un accordo giuridicamente vincolante con il quale due parti si impegnano a scambiare un’attività sottostante (fisica o finanziaria) con un prezzo precedentemente concordato a una data futura specifica.

investire in futures

Il motivo principale per cui le due parti hanno preimpostato il prezzo di un bene è la copertura contro circostanze future straordinarie che potrebbero avere effetti negativi per entrambe le parti: il venditore o l’acquirente.

Come spiegheremo più avanti, i primi contratti a termine della storia sono stati stipulati sui prezzi dei prodotti agricoli. Nel corso degli anni i futures si sono notevolmente evoluti ed è ora possibile investire in futures come attività finanziarie.

Introduzione ai mercati dei Futures e delle Opzioni

Le origini dei contratti a termine risalgono all’antico Egitto, dove gli agricoltori potevano concordare in anticipo un prezzo al quale vendere i loro prodotti agricoli a un determinato acquirente. L’obiettivo era quello di coprire le loro spalle e ridurre il rischio che un cattivo raccolto rovinasse la loro attività. Più tardi, nel 1687, e nel mondo dei Samurai in Giappone, fu creata la borsa del riso Dojima per lo scambio di futures sul riso.

Già nel XIX secolo, la creazione del CBOT (Chicago Board of Trade) e del Chicago Futures Market avrebbe posto le basi per l’espansione dell’uso dei contratti a termine. Ciononostante, per decenni, i principali beni inclusi in questi contratti hanno continuato ad essere i prodotti agricoli, anche se ora sono stati inclusi pure altri prodotti di base come cotone o il caffè.

Nel corso degli anni appariranno i mercati a termine e con essi l’espansione definitiva a livello globale. Oggi è possibile negoziare futures agricoli, metalli, valute, obbligazioni, ecc. e ci sono mercati a termine in luoghi così diversi come il Regno Unito, gli Stati Uniti, il Giappone, Singapore e la Nuova Zelanda. Contemporaneamente sono state create delle agenzie di protezione incaricate di vigilare sul corretto utilizzo dei contratti a termine, la più importante delle quali è la cosiddetta CFTC (Commodities and Futures Trading Commission).

Tipi di contratti Futures

Come accennato in precedenza, attualmente esistono molti tipi diversi di attività che possono essere incluse nei contratti futures, con il risultato di avere tanti contratti futures diversi di quanti se ne possono trovare nei principali mercati dei futures. Qui elenchiamo i più usati:

  • Futures valutari
  • Futures agricoli
  • Futures energetici
  • Futures in metallo
  • Futures su indici azionari
  • Futures sui tassi d’interesse

Come funzionano i contratti e come investire in Futures

Un Contratto Futures è un derivato finanziario sotto forma di accordo vincolante. Questo significa che entrambe le parti, acquirente e venditore, si accordano per una futura transazione ad un prezzo fissato al momento della chiusura del contratto e si impegnano a scambiarsi il bene sottostante. In parole povere, i Futures sono una sorta di accordo “compra ora, paga dopo”.

Prendendo questo esempio, il pagamento del bene non viene effettuato al momento della firma del contratto Futures, ma alla data di scadenza del contratto. Così come il bene non diventa di proprietà dell’acquirente fino alla data stabilita nel contratto. Questo significa che si possono generare sia profitti che perdite, poiché in futuro l’operazione sarà effettuata secondo le disposizioni, indipendentemente dall’andamento del mercato.

Ad esempio, un esportatore di macchinari agricoli che vende all’estero su base trimestrale. Può concordare con una casa di intermediazione di vendere la valuta estera ad un certo prezzo entro un periodo di tre mesi, quando riceve il pagamento per i prodotti venduti. Indipendentemente dall’evoluzione del prezzo delle diverse valute, l’operazione sarà effettuata come indicato nel contratto a termine.

MEXDER è un mercato di futures che permette l’acquisto e la vendita dei contratti prima della loro data di scadenza. Pertanto, è possibile investire in futures e speculare con le posizioni incluse nei contratti.

Differenza tra Futures e Opzioni

Se si prendono in considerazione le definizioni di questi due termini, differenziare i Futures dalle Opzioni sarà molto facile e potremo iniziare a fare trading con entrambi.

  • Futures: un contratto vincolante con il quale due parti si impegnano a scambiarsi un determinato bene in una determinata data.
  • Opzioni: Un contratto in cui una delle parti possiede il diritto di acquistare o vendere un’attività sottostante in un determinato periodo di tempo.

Pertanto, una delle principali differenze è l’obbligo di effettuare l’operazione nel caso di un contratto a termine, mentre con le opzioni il diritto viene acquisito ma non l’obbligo di effettuare lo scambio. Un altro dettaglio da considerare è il significato delle date, poiché le opzioni scadono alla data di scadenza mentre i futures sono eseguiti alla data indicata nel contratto.

Differenze nel trading di Futures e Opzioni

  • Volume del contratto: Nei contratti futures il volume dei contratti è di solito maggiore, per cui i margini per il trading dei futures sono di solito più elevati rispetto a quelli per le opzioni.
  • Premi: Le Opzioni di trading prevedono il pagamento di un premio superiore alle normali commissioni di trading. Il pagamento del premio può essere da venditore a commerciante o viceversa.
  • Obbligo: Entrambe le parti di un contratto a termine sono obbligate ad eseguirlo alla data di scadenza. Questo non è il caso per i prodotti di opzione.
  • Scadenza: il contratto di Opzioni scade ad una certa data senza che sia necessario esercitarla preventivamente.
  • Trading di Futures e Opzioni: I trader di Futures otterranno un profitto dalla differenza tra il prezzo di entrata e quello di uscita del sottostante. Il trader di Opzioni, in alcuni casi, può essere in grado di realizzare un profitto soltanto sui premi.

Differenze tra Futures e Contratti per differenza

È possibile negoziare una moltitudine di beni finanziari in diverse forme con: CFD, futures, opzioni, ecc. È quindi importante comprendere la definizione di ciascuno di essi e saperli differenziare l’uno dall’altro, poiché ogni derivato richiede una strategia d’investimento diversa a causa della sua natura.

Come per le Opzioni, i Contratti per differenza non comportano l’obbligo di effettuare una transazione. Come abbiamo già accennato in questa pagina, i Futures obbligano entrambe le parti ad effettuare la transazione.

La liquidità dei CFD è di solito maggiore di quella dei contratti a termine perché nei CFD i broker agiscono come market maker. D’altra parte, i Futures consentono di approfittare di commissioni più basse sul trading di grande scala.

Per tutti questi motivi, investire in Futures è generalmente la scelta giusta per i grandi investimenti di capitale, mentre i contratti per differenza sono più adatti per gli investitori che lavorano con capitali più piccoli.

Differenze tra Futures e Forward

Futures e Forward hanno aspetti in comune, il principale dei quali è l’obbligo di effettuare l’operazione. Tuttavia, vale la pena di menzionare differenze sostanziali tra i contratti per investire in Futures e investire in Forward:

  • Mercato secondario: esiste un mercato secondario per i futures ma non per i forward.
  • Standardizzazione: i futures sono standardizzati in termini di data di scadenza e volume. Più avanti, questo diventa determinato della transazione.
  • Garanzie: le due parti di un Forward forniscono una garanzia collaterale per il contratto, mentre i Futures godono di una garanzia istituzionale.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

OkBrokers © 2018 – 2021 | Tutti i diritti riservati

Questo sito web e il suo contenuto sono strettamente informativi. Su questo sito web non vengono acquistate o vendute attività finanziarie di alcun tipo. Il nostro scopo è quello di offrire un’analisi aggiornata e imparziale sulle piattaforme di trading online e sui broker. Anche se OkBrokers è un sito web completamente indipendente, è scritto ai programmi di affiliazione delle società di trading online. OkBrokers non è responsabile per le attività di nessuno dei broker inclusi nel suo sito web, né per eventuali errori nelle informazioni contenute nel presente documento.

AVVISO RISCHIO

I contratti per differenza (CFD) sono strumenti finanziari complessi e comportano un elevato rischio di perdita di capitale a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% dei conti dei singoli investitori perde denaro quando fa trading con i CFD e prima di farlo dovrebbe considerare seriamente se può permettersi l’elevato rischio di perdita di capitale.

Scroll Up